mercoledì 16 settembre 2009

Il gatto e l'handicap

3 commenti:

Mik ha detto...

Una volta ai bambini si raccontava la favola del gatto con gli stivali, adesso, mutati i tempi, gli usi, i costumi, i mezzi di trasporto, va di moda la favola del gatto con le stampelle, essendo molto probabile che il felino le zampe le abbia perse finendo involontariamente sotto le ruote di un'automobile, mentre attraversava la strada da un marciapiede all'altro.
In questo caso però non si capirebbe cosa ci faccia sul cofano, essendo più logico che una macchina venga guidata standoci dentro, e non stando al di fuori di essa. Questa è questione di logica felina, e avendo già difficoltà a comprendere gli esseri umani, non so come potrei fare per capire cosa passi nella mente di un gatto.
E' allora probabile che il gatto sia un ausiliario della polizia municipale addetto al controllo dei pass per invalidi: sempre meglio di tanti cani in divisa...

essec ha detto...

The best!

Mik ha detto...

Io direi "the beast"...